L’Angolo Della Nena

25 03 2009

Che settimana! Sono esausta! Non tanto perché ho parecchi impegni, che di fatto non sono così numerosi, ma perché non ho avuto ancora l’occasione per recuperare le ore di sonno che si sono e si stanno tutt’ora accumulando; è ormai da sabato pomeriggio che sto aspettando questa domenica che tarda ad arrivare. La primavera, nonostante si faccia abbastanza attendere, sta giungendo e i pomeriggi sono alquanto soleggiati, il che mi rilassa ulteriormente e mi invita a ignorare le mie responsabilità e a godermi quella luce del sole che appare, anche se fugacemente, e rende più piacevoli e quasi positivi i pomeriggi; ma, non avendone la possibilità, guardo la finestra e penso che avrò moltissimo tempo per riposarmi durante le vacanze e che probabilmente mi verrà pure a noia. Come se non bastasse, il sonno influisce anche sul mio umore, quindi in questi giorni sono ancora più intrattabile del solito, cosa che mi irrita non poco, perché non mi piace affatto comportarmi così.

Beh, non mi resta che attendere la prima occasione di tempo libero.

Per quanto ognuno veda l’autunno come una stagione già vissuta, la primavera è sempre, a tutti, una rinascita.
_Theodore Francio Powys_

Alla prossima!

Baci!

Dalla Nena 


Creative Commons License





The Calzo’s Life

6 12 2008

Se vi stavate chiedendo: dove è il rompicoglioni-sparacazzate del sabato? Eccomi qui!

Se ancora non avete chiuso la pagina web, vi faccio cambiare idea…………

Settimana tranquilla questa: a scuola qualche compito e interrogazioni qui e là, martedì è stato il compleanno del mio babbo, infatti lo stesso giorno io e mia sore siamo andati a comprargli il regalo ai Gigli (nel frattempo ho anche comprato il nuovo cd della Tatangelo) e venerdì Hip Hop come sempre. Anzi venerdì ci ha insegnato come si crea l’onda con le braccia……ma ci devo lavorare!!! La faccio da schifo!!!

Oggi? Bhè, oggi normale. Stasera tutti al cinema con la solita baraonda per scegliere il film. Ma perché dobbiamo sempre litigare? Gli altri gruppi non lo fanno! Perché noi si?????? A me non importa mai il film (almeno rare eccezioni). A me basta uscire ma il più delle volte sono io quello che rimane fregato. Perché????

Adesso lascio la mia fatidica scrivania del computer per lasciarmi trasportare dalle mie emozioni (in pratica: vado a giocare alla wii!XD).

CIAO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Gazzenda’s Pills

Scambio di identità all’appello

Numero di giocatori: da 2 in su

Dove: in classe

Quando: all’inizio della prima lezione del lunedì.

Cosa serve: un corso di immedesimazione col metodo stanislawsky

Come funziona:

Gioco da farsi durante il fatidico appello. Coloro che decidono di giocare scrivono il loro nome su un biglietto. Tutti i biglietti vengono messi in un contenitore ed ogni giocatore estrae un biglietto, scoprendo la sua nuova identità. Ecco allora che durante l’appello ognuno dovrà rispondere secondo la sua nuova identità. Praticamente quando il prof chiamerà Lucilla Bianchi, a dire “presente, sarà Mario Rossi e così via. Quelli che verranno “beccati” dal prof avranno perso. Ovviamente il compito sarà più facile se si deve impersonare una persona dello stesso sesso altrimenti bisognerà in qualche modo camuffare la voce.

Penitenza x lo sconfitto:

Baciare il/la bidella/o a tradimento con la scusa di contarle i nei che ha sulla faccia.

RESTATE SITONIZZATI!

Dal vostro blogghista MascalzoneSimpa