Spazio Alle Buffonate

4 05 2009

Jacci e ‘ncelli, pronti per un pò di burle? è giunto lo spazio,pronti a pagare dazio?!?!

“capo-capone…buffo-buffone”… che significa? Che uno dei tratti caratteristici di un Clown è la sua tendenza ad assumere all’interno del gruppo di persone di cui si circonda un atteggiamento di inveterata superiorità con la quale tale pagliaccio si pone come su un gradino al di sopra dei suoi altri simili. Tale tratto caratteristico appartiene anche al nostro buffone della settimana, colui che facendosi il grosso senza nè motivi nè cause reali ha cercato di imporsi e diventare il capo-capone,appunto, della nostra consueta banda di clowns. Il Buffone della settimana è, indiscutibilmente, i’Leva! Si presenta a sorpresa al consueto raduno pajaccesco al Vispa, e lo fà dinnanzi agli attoniti sguardi di un bandito e di alcuni pajacci sfoggiando tutta la sua presunzione fisica e la sua potenza in ambito marziale. “Ma che pensi di fare.. chi sei te, Bruce Lee?” “No.. ma per poco” Che pajaccio!!!! Attonito il bandito, sdegnato io stesso, medesimo, Lord Craco…

La sua pagliacciaggine non si è manifestata tuttavia solo con una prosopopea di buffone, ma anche con delle scelte non dico incomprensibili, ma tuttavia assai diaccianti!!! Mai era successo che un pajaccio prima della visione di un film al Vispa prendesse un gelato, invece di patatine o leccornie.. e tantopiù è sempre stato assai raro che un clown facesse compagnia al nostro Mangia-Maionese pasteggiando con questo al ristorante cinese..

Vi ho dunque oggi introdotto un nuovo pagliaccio, già inserito oltretutto nell’almanacco, e dalle grandissime potenzialità… farà strada nel circo..

E adesso Lord Craco vi introdurrà un evento di attualità che ha a che fare in modo stretto e affine con la comunità dei clown, per tanto è consigliabile partecipare con tanto gaudio e pronti alle peggio risahe!!!

.

Quando l’ artista si camuffa da clown

.

La Grande Parata. Il titolo non è molto invitante, ma dal sottotitolo ne saprete di più: ritratto dell’ artista da clown. Dopo Parigi, la mostra, organizzata sotto la direzione di Jean Clair, verrà presentata a Ottawa. Un consiglio: visitatela due volte. La seconda visita (potete ricominciare dall’ inizio oppure ripercorrere le sale dell’ esposizione a ritroso) vi permetterà di cogliere i propositi degli organizzatori: infatti la rassegna non è un puro e semplice accostamento di quadri, una raccolta casuale di opere di qualità su un dato tema. Lo scopo della mostra è ben diverso. Suddivisa in 9 sezioni, essa si interroga sul posto che l’ artista occupa nel mondo (dalla fine del XVIII secolo ai nostri giorni) e sulle ragioni per cui così tanti artisti si mascherano, si camuffano o vedono se stessi come altrettanti clown, arlecchini, pierrot o saltimbanchi: ma soprattutto clown, preferibilmente tristi. Prendiamo come esempio la V sezione, Finale di partita. Una citazione da Baudelaire chiarisce lo scopo: «All’ estremità della fila di baracche un povero saltimbanco, curvo, cadente, decrepito, un relitto d’ uomo, addossato a un palo della sua capanna Ma che sguardo profondo, non lo si può dimenticare, volgeva sulla folla e sulle luci Egli era l’ immagine del vecchio uomo di lettere che è sopravvissuto alla generazione di cui fu il brillante intrattenitore; del vecchio poeta senza amici e nella sua baracca il mondo, dimentico, non vuole più entrare». L’ artista si identifica col clown, è il suo «doppio che sogghigna», per riprendere il titolo dello splendido testo del grande saggista svizzero Jean Starobinski, sotto la cui egida è posta la rassegna del Grand Palais. Lo avrete sicuramente capito: La Grande Parata non è una mostra facile, alcune scelte sono criticabili e l’ Italia è stata, senza dubbio, sacrificata. Però, oltre al godimento degli occhi, essa tratta di un argomento appassionante e talvolta doloroso: la difficoltà d’ essere artista. (Traduzione di Nicole Agosti) La Grande Parata. Ritratto dell’ artista da clown, Grand Palais, Parigi, sino al 31 maggio

.

Rosenberg Pierre [Corriere della Sera]

.

Il vostro giullare, ma dal cuore reale

Lord Craco

Annunci